Servizio Civile

 

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Pubblicato il Bando di
Servizio Civile Nazionale

Questa Fondazione ha a disposizione 12 posti su due progetti

SCADENZA BANDO:
Lunedì 26 GIUGNO 2017 alle ore 14:00

Che cos’è il Servizio civile volontario?

Il Servizio Civile Volontario si pone come finalità il coinvolgimento delle giovani generazioni nella difesa della Patria con mezzi non armati e non violenti, mediante servizi di utilità sociale.

Perché il Servizio civile con noi?

Il Centro di Cura e Riabilitazione Santa Maria Bambina è una Fondazione no-profit che si occupa di riabilitazione globale. Attraverso i nostri progetti di servizio civile ti offriamo l’opportunità di un’esperienza di crescita ed un’esperienza formativa personale che ti permetta di confrontarti in maniera consapevole con le disabilità e di aiutare gli altri.

 

Progetti Bando 2017

Si ri-parte

n. 8 Volontari/e

Progetto Si ri-parte

Scheda Sintetica

OBIETTIVI DEL PROGETTO:

Sostenere il paziente, in collaborazione con il personale preposto, nel prendersi cura di se, supervisionandolo nelle fasi principali della autonomia personale e sociale e accompagnandolo nel percorso di fruizione delle attività di riabilitazione.

ATTIVITÁ D’IMPIEGO DEI VOLONTARI :

Organizzazione di eventi ludico-ricreativi e socio-culturali  per la strutturazione del tempo libero, supporto a familiari e pazienti volto al miglioramento delle autonomie residue nell’organizzarsi la giornata, supervisione sugli spostamenti dei pazienti nelle varie aree del Centro.


Imparo e mi diverto

n. 4 Volontari/e

Progetto Imparo e mi diverto

Scheda Sintetica 

OBIETTIVI DEL PROGETTO:

Sostenere l’utente nel prendersi cura di se, accompagnandolo nelle azioni del lavarsi, vestirsi, alimentarsi e nel mantenimento delle abilità residue.

ATTIVITÁ D’IMPIEGO DEI VOLONTARI :

Organizzazione di eventi ludico-ricreativi e supporto agli  utenti volto al miglioramento delle autonomie residue, supervisione sugli spostamenti nelle varie aree del Centro.





Chi può partecipare al Bando?

Possono partecipare al bando i cittadini italiani o i cittadini non italiani regolarmente soggiornanti in Italia, senza distinzione di sesso, che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il 18° anno di età e non superato il 28° anno di età (28 anni e 364 gg) e che abbiano i seguenti requisiti:

  • Non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero alla pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad esclusione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

Non possono presentare domanda i giovani che hanno già prestato servizio civile in base alla legge 64/2001 o coloro che abbiano rapporto con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Quali documenti sono necessari per candidarsi?

La domanda di candidatura, da inviare presso gli indirizzi indicati in ciascun progetto a bando, deve contenere:

  • Allegato 2 (formato .docx): Domanda_di_ammissione (firmato in originale),
  • Allegato 2 (formatp .pdf): Domanda_di_ammissione (firmato in originale),
  • Allegato 3 (formato .docx) Dichiarazione-Titoli (firmato in originale),
  • Allegato 3 (formato .pdf) Dichiarazione-Titoli (firmato in originale)
  • Copia documento di identità non scaduto,
  • Curriculum vitae debitamente firmato ed eventuali copie di titoli in possesso e documentazione significativa.

Si ricorda che i documenti, domanda di ammissione e dichiarazione titoli, saranno considerati validi solo se accompagnati da fotocopia di documento di identità in corso di validità, pena la nullità della domanda stessa.

Puoi presentare una sola domanda di Servizio Civile per un unico progetto, pena l’esclusione dal Servizio Civile.

Quali solo le modalità di invio dei documenti?

Le domande possono essere inoltrate agli indirizzi indicati nei singoli progetti UNICAMENTE nella seguente modalità (art. 4 del bando):

  • Raccomandata A/R
  • Consegna a mano (con questa dicitura è previsto ogni forma di consegna – anche per posta prioritaria o corriere o altro mezzo)
  • Inviata via PEC (posta elettronica certificata) all’indirizzo unico per tutti i progetti: ccrsmb@pec.it (il titolare della PEC DEVE essere il candidato stesso – non è possibile inviare posta PEC con indirizzo email certificato governativo perchè è utilizzabile solo per le pubbliche amministrazioni e gli enti di servizio civile sono enti privati)

NON possono essere inviate domande per fax o email ordinaria.
Non fa fede il timbro postale di partenza.

Documenti e link utili

Puoi presentare una sola domanda di Servizio Civile per un unico progetto, pena l’esclusione dal Servizio Civile.


Contatti

Fondazione Nostra Signora del Rimedio ONLUS
Istituto di Riabilitazione Santa Maria Bambina
Responsabile del personale: dott.ssa Stefania Pintor s.pintor@santamariabambina.it
via Santa Maria Bambina 11
09170 Oristano località Rimedio

Tel 0783 34421  –

e-mail: info@santamariabambina.it

e-mail certificata: ccrsmb@pec.it


CHE COS’E’ IL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Il Servizio Civile Nazionale , istituito con la legge 6 marzo 2001 n° 64, – che dal 1° gennaio 2005 si svolge su base esclusivamente volontaria – è un modo di difendere la patria, il cui “dovere” è sancito dall’articolo 52 della Costituzione; una difesa che non deve essere riferita al territorio dello Stato e alla tutela dei suoi confini esterni, quanto alla condivisione di valori comuni e fondanti l’ordinamento democratico.

E’ la opportunità messa a disposizione dei giovani dai 18 ai 28 anni di dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno solidaristico inteso come impegno per il bene di tutti e di ciascuno e quindi come valore di coesione sociale.
Il servizio civile volontario garantisce ai giovani una forte valenza educativa e formativa, una importante e spesso unica occasione di crescita personale, una opportunità di educazione alla cittadinanza attiva, contribuendo allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro Paese.
Chi sceglie di impegnarsi per dodici mesi nel Servizio civile volontario, sceglie di aggiungere un’esperienza qualificante al proprio bagaglio di conoscenze, spendibile nel corso della vita lavorativa, quando non diventa addirittura opportunità di lavoro, nel contempo assicura una sia pur minima autonomia economica.
Le aree di intervento nelle quali è possibile prestare il Servizio Civile Nazionale sono riconducibili ai settori: assistenza, protezione civile, ambiente, patrimonio artistico e culturale, educazione e promozione culturale, servizio civile all’estero.

Opportunità per gli Enti 
Gli enti di servizio civile sono le amministrazioni pubbliche, le associazioni non governative (ONG) e le associazioni no profit che operano negli ambiti specificati dalla Legge 6 marzo 2001, n. 64. Per poter partecipare al SCN gli enti devono dimostrare di possedere requisiti strutturali ed organizzativi, avere adeguate competenze e risorse specificatamente destinate al SCN. L’ente di SCN deve sottoscrivere la  carta di impegno etico  che intende assicurare una comune visione delle finalità del SCN e delle sue modalità di svolgimento.
Solo tali enti, iscritti in appositi albi – Albo nazionale e Albo regionale -, possono presentare progetti di Servizio Civile Nazionale.
Il Servizio Civile Nazionale consente agli enti accreditati di avvalersi di personale giovane e motivato, che, stimolato dalla possibilità di vivere un’esperienza qualificante, assicura un servizio continuativo ed efficace.
I progetti d’impiego dei volontari, predisposti dagli enti pubblici e dalle organizzazioni del Terzo Settore iscritti all’Albo nazionale vengono presentati all’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile, quelli predisposti dagli enti territoriali iscritti nell’Albo regionale vengono presentati alle strutture del Servizio civile della Regione competente per territorio.
L’utilizzo dei volontari del servizio civile attiva un rapporto privilegiato con i ragazzi che, dopo i 12 mesi di servizio, tendono in genere a mantenere contatti collaborativi con l’ente.

Occasione per i giovani 
I giovani, di età compresa tra i 18 e 28 anni, di cittadinanza italiana, interessati al Servizio civile volontario possono partecipare ai bandi di selezione dei volontari pubblicati nella GURI presentando, entro la data di scadenza prevista dal bando.
La domanda di partecipazione, in carta semplice, è indirizzata all’Ente che ha proposto il progetto, è redatta utilizzando il modello allegato al bando, deve contenere l’indicazione del progetto prescelto ed essere corredata, ove possibile, di titoli di studio, titoli professionali, documenti attestanti esperienze lavorative svolte.
E’ ammessa la presentazione di una sola domanda per bando.
Il modulo di domanda può essere scaricato dalla sezione “Modulistica” o dall’area “Bando” alla voce Modulo; i progetti possono essere consultati nell’area “Bando ” attraverso un motore di ricerca che consente una selezione geografica o per settore di interesse.
L’ente sceglie, tra i profili delle candidature presentate, quelli più adeguati alle attività operative previste dal progetto. I candidati selezionati vengono inclusi in una graduatoria provvisoria che diventa definitiva dopo la verifica dei requisiti previsti dal bando. Successivamente l’UNSC con proprio provvedimento dispone l’avvio al servizio dei volontari, specificando la data di inizio del servizio e le condizioni generali di partecipazione al progetto.

Fonte: Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale – Ufficio per il Servizio Civile Nazionale

Per ulteriori informazioni si prega di visitare i siti www.serviziocivile.gov.it e www.regione.sardegna.it/serviziocivile/